Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, costo 60 milioni: la Roma aspetta l’offerta giusta

La Roma fissa il prezzo per Nicolò Zaniolo

Breve cronaca di un lungo addio. Ogni giorno che passa, la sensazione è che fra la Roma e Nicolò Zaniolo si andrà a una separazione consensuale. Ovvero, il club farà una plusvalenza importante (anche se il 15% dovrà andare all’Inter, che nel 2018 accettò la valutazione a 4,5 milioni), mentre l’attaccante vuole un club super blasonato.

Tutto facile, allora? Non proprio. Nonostante i rapporti fra il g.m. Pinto e l’agente Vigorelli siano eccellenti, la situazione è chiara: la Roma lo valuta almeno 60 milioni, Zaniolo non è interessato ad andare all’estero (Newcastle o Tottenham) ma preferisce Juventus o Milan e il club giallorosso è interessato solo ai contanti, cioè niente giocatori nella trattativa. Precisazione: bisogna attendere, perché richieste formali al momento non sono ancora arrivate, anche perché tutti i club cercano liquidità.

Questa è la fotografia del presente, anche se naturalmente ci sono giocatori (bianconeri e rossoneri) che tecnicamente piacciono a Mourinho. Ecco, proprio lo Special One è l’altro nodo della situazione. A livello umano, il rapporto con Nicolò non è mai decollato, anche se l’allenatore portoghese conosce bene il valore del ragazzo e, in privato, non gli ha mai lesinato complimenti, mettendolo nella categoria delle eccellenze in cui spicca gente come Mbappé o Haaland.

Con queste premesse, il rinnovo di contratto per Zaniolo a questo punto non è più una priorità. Lo diventerebbe se a settembre, in mancanza di offerte convincenti, rimanesse alla Roma. A quel punto, però, l’obiettivo di Zaniolo sarebbe avere un contratto in stile Pellegrini, anche perché al momento sono una decina i giallorossi più pagati di lui. Troppi per non partirne. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa