Resta in contatto

Rassegna Stampa

Celik è stato preso: Mourinho riparte con un nuovo turbo

L’esterno turco sarà presto a Roma

Non c’è ancora l’ufficialità, ma oramai ci siamo: Zeki Celik è di fatto un giocatore della Roma. Esattamente il terzo nuovo arrivo di questa torrida estate, dopo quelli già avvenuti dei due serbi, il giovane portiere Svilar (ex Benfica) e il gigante di centrocampo Matic (ultima destinazione Manchester United).

Il club giallorosso e il Lilla (dover è sbarcato da poco Paulo Fonseca, allenatore della Roma dal 2019 al 2021) ieri hanno di fatto trovato l’accordo definitivo, sbloccando quindi una trattativa che andava avanti da un po’, ma che il general manager Tiago Pinto era convinto di poter chiudere anche nei giorni scorsi.

Celik dovrebbe arrivare a Roma la prossima settimana: visite mediche, presentazione ufficiale e primi allenamenti con la squadra, giusto in tempo per poi partire per il raduno programmato in Portogallo, nella zona dell’Algarve (il via della truppa romanista è previsto per il 12 luglio).

Roma e Lilla erano ferme da un po’ di tempo su una distanza di un paio di milioni di euro, con la Roma che ne offriva 7 e i francesi che ne chiedevano invece 9. Quella distanza di un paio di milioni di euro è stata adesso colmata grazie ad una percentuale del 15% sull’eventuale futura rivendita del giocatore turco.

Considerando che Celik ha soli 25 anni ed è il terzino destro titolare della Turchia (dove finora ha giocato 32 partite, segnando anche 2 reti), facile che nella Roma possa essere ulteriormente valorizzato e, in caso, venduto anche ad un prezzo assai superiore ai 7 milioni della valutazione attuale. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa