Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo a nervi tesi. Parte ma non si allena

Out nell’ultimo allenamento a Trigoria

Nicolò Zaniolo non trova pace. Perché dopo aver saltato per una lombalgia il primo test match con il Trastevere – ed essere tornato a lavorare regolarmente in gruppo lunedì – ieri il numero 22 ha saltato l’allenamento fissato da José Mourinho prima della partenza per il Portogallo. Stavolta la lombalgia non c’entra. Il classe ’99 ha lamentato un piccolo fastidio muscolare, che ha convinto il ragazzo a non rischiare nulla prima di volare in ritiro insieme al resto della squadra. Una notizia che a Trigoria hanno preferito non commentare, considerato che ieri non era in programma alcun report post allenamento e – nonostante l’assenza di Zaniolo – i piani non sono cambiati.

Il fastidio accusato ieri mattina, secondo chi conosce bene il ragazzo, potrebbe essere causato anche dall’eccessivo stress a cui il giocatore è esposto dall’inizio del calciomercato. Le continue voci che lo vedrebbero con le valigie pronte in direzione Torino e la mancato proposta di rinnovo – non arriverà prima di settembre – starebbero alimentando il clima d’inquietudine che il giocatore inizia a respirare quotidianamente. Una situazione diventata sempre più pesante nel corso delle settimane e che adesso, sia la Roma che Zaniolo, vorrebbero risolvere definitivamente in un senso o nell’altro.

Non a caso ieri, durante la giornata trascorsa da Tiago Pinto a Milano, il general manager scelto dai Fridkin ha incontrato l’agente Claudio Vigorelli. Si è trattato di una chiacchierata informale, come quelle che i due intrattengono quasi quotidianamente, per fare il punto della situazione e capire se all’orizzonte si muova qualcosa. Le cose però rischiano di andare per le lunghe, almeno finché la Juventus non troverà un accordo con il Bayern Monaco per la cessione di De Ligt, che dovrebbe garantire ai bianconeri almeno 80 milioni da reinvestire sul mercato. Soldi che alla Continassa utilizzerebbero prima di tutto per rimpiazzare l’olandese e, successivamente, provare a sferrare l’offensiva a Zaniolo. Oggi intanto il numero 22, nonostante i problemi fisici accusati nemmeno 24 ore fa, potrebbe sorprendentemente essere a disposizione di Mourinho per il match con il Sunderland. Lo scrive “Il Tempo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa