Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dybala-Roma, ore decisive

L’argentino potrebbe presto vestire la maglia giallorossa

José Mourinho voleva Dybala già domani nel ritiro in Algarve, l’”ora o mai più” del tecnico portoghese, che una settimana fa ha avuto un breve colloquio telefonico con il giocatore, ha indotto Tiago Pinto a promuovere l’incontro nelle intenzioni risolutivo. Il manager Carlos Novel, che si trovava in Spagna, è dovuto così rientrare in Italia per raggiungere Jorge Antun e compagnia. L’offerta che il gm dovrebbe presentare oggi è in linea con l’attuale mercato e con la situazione di Paulo (il Manchester United gli ha preferito Christian Eriksen). Non è stato facile vincere la diffidenza dell’argentino, ritrovatosi in una situazione particolarmente confusa. Ora bisognerà vedere se Mourinho concederà altro tempo agli agenti o se, al contrario, preferirà orientarsi su Jesse Lingard, svincolato dal Manchester United, e sull’Atalantino Pasalic, valutato tra i 20 e i 25 milioni.

All’orizzonte resta Marotta e soprattutto la coppia Giuntoli-Chiavelli, ma non si è capito quanto effettivamente De Laurentiis sia effettivamente interessato a garantire un ingaggio importante a Dybala, ma il valore aggiunto del Napoli è la partecipazione alla Champions League. Adesso Paulo è chiamato a prendere una decisione importante, in grado di autorizzare discorsi sulla sua crescita come uomo, prima che come professionista. Sette anni fa, per farsi convincere da Marotta che lo voleva alla Juve, impiegò tre mesi. Sette anni dopo, ha a disposizione soltanto poche ore. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa