Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Le cessioni in stand by: la Roma non fa prestiti

Capitolo cessioni: non ci sono passi in avanti, ma la Roma non ha più  intenzione di regalare i cartellini

C’è un motivo se la Roma sin qui non ha ceduto nessuno degli esuberi in rosa: vuole a tutti i costi monetizzare senza dover ricorrere nuovamente a prestiti secchi o con diritti di riscatto. La linea del club giallorosso è chiara: bisogna cedere, ma facendolo nel migliore dei modi, senza più regalare cartellini di giocatori (come era accaduto con Pastore e Nzonzi), ma nemmeno accettare offerte che non possano poi portare a cessioni a titolo definitivo.

Per questo si sta prendendo tutto il tempo per portare avanti le trattative in uscita, senza fermarsi alla prima offerta arrivata per un giocatore. Vedi l’esempio di Carles Perez, richiesto dal Celta Vigo ma non ancora ceduto: la Roma sta lavorando per ottenere l’obbligo di riscatto ma sta aspettando anche altre offerte. Il club spagnolo fin qui ha offerto un diritto di riscatto: a queste condizioni la Roma direbbe di no.

Sono tanti i giocatori con le valigie pronte: Perez, Villar, Diawara, Veretout e Kluivert. Soltanto loro costano alla Roma oltre 10 milioni di ingaggi. Più i vari Calafiori, Coric, Bianda, Riccardi e Bouah.

Diawara continua a non avere offerte o a rifiutarle, la Roma con lui è stata chiara: se non dovesse trovare squadra si allenerà individualmente per tutta la stagione. Il guineano ha uno stipendio da oltre 2 milioni netti fino al 2024, le ipotesi francesi, turche e italiane sono naufragate.

La trattativa tra la Roma e il Monza per Villar si è interrotta: c’è distanza tra domanda e offerta, non sulla formula del prestito con obbligo di riscatto in base alla salvezza del club. Se ne riparlerà, ma intanto Pinto sta sondando altri club.

Così come è in divenire la cessione di Justin Kluivert, seguito in Francia (Lione e Monaco), in Inghilterra (Fulham), ma anche in Italia: il Torino (che pensa anche a Kumbulla) è sulle sue tracce, la Roma come detto vuole monetizzare. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa