Resta in contatto

Rassegna Stampa

In attacco idea Belotti. E stasera c’è la sfida con il Tottenham

C’è il Gallo se parte Shomurodov

Questa sera la Roma giocherà allo Stadio Sammy Ofer di Haifa un’amichevole di lusso contro il Tottenham e per i tifosi giallorossi sarà la prima occasione per vedere Dybala giocare con la maglia della Roma. Magari una formazione a trazione anteriore insieme a Pellegrini, Zaniolo e Abraham. Deciderà Mourinho, che in attacco ha ormai l’imbarazzo della scelta. Almeno nei titolari, perché per le alternative per il reparto offensivo ha ancora affisso il cartello lavori in corso.

Nelle ultime ore il nome di Andrea Belotti è tornato a circolare insistentemente dalle parti di Trigoria dopo la mancata convocazione di Shomurodov per Israele. Una scelta tecnica che somiglia molto ad un chiaro segnale di mercato. L’uzbeko non è più sicuro di avere una seconda chance con la maglia giallorossa e per questo si sta iniziando a guardare attorno. Su di lui è vivo l’interesse del Bologna, ma nelle ultime ore è spuntato anche il Torino, ormai attivissimo sul mercato. Un’asse con i granata che potrebbe diventare calda anche sul versante Kumbulla, visto che da settimane il mister spinge per riavere con sé il difensore albanese. Nessuna offerta ufficiale sul tavolo di Pinto, ma l’eventuale spazio che si andrebbe a creare nella rosa della Roma potrebbe permettere all’idea Belotti di prendere corpo. Il Gallo è ancora svincolato e ultimamente sparito dai radar pubblici e social. Il calciatore si era già proposto ai giallorossi in estate, mettendo in standby una richiesta di Gattuso di raggiungerlo al Valencia e un’importante offerta dal Toronto. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa