Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, tutto e subito: Wijnaldum per un anno come Matic e Dybala

Dopo Dybala e Matic ecco Wijnaldum: l’instant team della Roma immaginata dai Friedkin

Una Roma a breve scadenza. Tutto e subito, come piace a Mourinho. Il mercato della Roma sta mandando un segnale chiarissimo: quella che sta per iniziare sarà la stagione dell’all-in della famiglia Friedkin. L’ultima dimostrazione è l’arrivo, ormai imminente di Gini Wijnaldum.

La Roma ha convinto il Psg a cedere alle proprie condizioni: non solo parte dell’ingaggio pagato dai francesi, ma nessun obbligo di riscatto alla fine del prestito di un anno. I parigini alla fine hanno ceduto. E Mourinho può festeggiare il suo nuovo regista di centrocampo.

Tutto in 12 mesi: questa è la durata attuale del progetto Roma. Addio pianificazione, la vita è un brivido che vola via e va presa al volo. Come sta facendo il general manager Tiago Pinto. Un anno di Wijnaldum, un giocatore che soltanto un anno fa Barça e Psg si contendevano a colpi di rilanci milionari per convincerlo a scegliere il loro progetto, vista la sua importanza nel Liverpool di Klopp.

Ma anche su Dybala la Roma ha scommesso a scadenza ridotta: tra un anno infatti potrebbe liberarsi con clausola bassissima, 20 milioni appena di cui 5 a lui. Persino Matic, il pretoriano di Mou, ha firmato per un solo anno, fino al 2023. Come a dire: non c’è tempo da perdere: o si vince subito o si cambia strada. Magari è lo stesso anche per Mourinho. Lo scrive la Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa