Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma sogna: Mourinho ha gli assi giusti per sedersi al tavolo scudetto

Una campagna acquisti sontuosa rilancia le ambizioni della Roma

L’anno più importante nella storia (contemporanea) della Roma è iniziato il 25 maggio a Tirana con un trofeo — la neonata Conference League — che all’epoca suscitò qualche ironia, ma i cui effetti oggi non fanno più sorridere alcun avversario. A quella coppa, alzata al cielo con indubbia enfasi, la Roma ha dato seguito con un mercato molto ambizioso, assecondando i desideri e forse anche le condizioni dell’allenatore.

Sotto l’ombrello della famiglia Friedkin, la più solida delle proprietà straniere identificabili in persone e non in fondi, José Mourinho si è infatti ricostruito l’immagine deturpata dalle ultime esperienze in Premier, chiuse con tre esoneri consecutivi. Appena ha vinto, rispedendo a vari mittenti i sospetti di senescenza tecnica, José ha subito reclamato un’accelerazione del piano triennale di crescita competitiva del club.

L’ingaggio del più fedele dei suoi pretoriani, Matic, è stato un primo segnale di attenzione. La chiusura dell’operazione-Dybala ha comprato un posto al tavolo grande. Aggiungendo pure Wijnaldum, la Roma ha chiamato banco: è lì per giocare pesante, e possiede sia le carte che le fiches necessarie.

L’aspetta una mano terribilmente delicata, perché non porti a casa certi giocatori soltanto per piazzarti. Il giudizio generale è che il traguardo della Roma sia il quarto posto, ovvero la zona Champions. A noi sembra limitativo, o meglio: la Champions è proprio l’obiettivo minimo, non arrivarci sarebbe un fallimento. La Roma ha le potenzialità per lottare per lo scudetto, che non vuol dire doverlo vincere ma restare in corsa per almeno tre quarti di campionato. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa