Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo tirato a lucido: la Roma è anche sua

Prestazione eccellente del 22 giallorosso contro lo Shakhtar

Nella serata di presentazione della nuova Roma di Mourinho, chi ha fatto davvero festa è stato Nicolò Zaniolo. Non da solo, ma insieme ai compagni di squadra e ai tifosi. Una serata perfetta per il talento giallorosso, resta magica dal grande abbraccio ricevuto dai 65mila romanisti dell’Olimpico ma anche per la sua prestazione contro lo Shakhtar.

Già dall’introduzione in campo per la presentazione della squadra, Zaniolo è stato festeggiato dai tifosi, ancor di più visto che ha scelto “Never going home”. Non una canzone a caso, bensì la colonna sonora del coro che ha celebrato la vittoria della Conference League a Tirana: “La Roma sì e il Feye-no”.

Le voci di mercato nella serata dell’Olimpico sono state spazzate via dall’entusiasmo dei tifosi ma anche dallo stesso giocatore che a più riprese ha salutato e applaudito i romanisti che lo hanno omaggiato con tanti cori. Sia nel pre partita, sia durante i suoi 65 minuti in campo.

La performance è stata di alto livello: in perfette condizioni atletiche, Zaniolo nei fab-four si è esaltato, mettendo in scena tutto il repertorio: velocità, fisicità e tanta, tanta qualità. C’è stato anche il suo zampino sul gol firmato tutto dai quattro tenori, gli abbracci a Pellegrini e Abraham sono stati spontanei.

Con questi giocatori potrà esprimere al massimo le potenzialità dopo una stagione di rodaggio post infortunio e la vera consapevolezza di essersi davvero lasciato alle spalle quel brutto periodo.

Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa