Resta in contatto

Rassegna Stampa

Belotti, l’uomo in più: perché Mourinho lo vuole

Belotti

Il Gallo non vede l’ora, lo Special One lo attende

José Mourinho aspetta davvero dal mercato due rinforzi. Giudica soprattutto il centravanti, che sarà Andrea Belotti,  fondamentale per arricchire la sua Roma, nella scorsa stagione poco efficace in fase realizzativa. Belotti, che Mourinho avrebbe voluto anche al Tottenham, rappresenta l’attaccante da 10 gol a campionato, prezioso specialmente nei momenti ruvidi delle partite, quando gli schemi e il talento non bastano a cambiare il risultato. È l’attaccante da battaglia che alla Roma manca.

Belotti, che è libero da ogni vincolo contrattuale da più di un mese, ha già accettato la proposta della Roma, accordandosi per tre anni a 3 milioni a stagione. Ma perché l’unione diventi ufficiale, occorre che prima Tiago Pinto riesca a liberare un posto.

Erano due, in verità, ma Carles Perez ieri è partito per Vigo per firmare con il Celta: le società hanno trovato un’intesa che prevede il pagamento di un milione di euro per il prestito e un diritto di riscatto libero a 10.

Oggi Carles Perez, che Mourinho aveva escluso dalla presentazione della squadra domenica in vista dell’imminente trasferimento, sarà in Spagna per le visite mediche e la firma. Seguendo di poche ore l’altro spagnolo Villar, che ieri si è legato alla Sampdoria: anche qui prestito (gratuito) e diritto di riscatto, ma a 8 milioni, con prospettiva di contratto fino al 2027. Ora manca soltanto Eldor Shomurodov. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa