Resta in contatto

News

Salernitana, Candreva: “Pronto per giocare subito. Roma? Tutte le gare sono complicate”

Le parole del nuovo esterno granata: “Bisogna affrontarle tutte nel migliore dei modi e con la giusta determinazione e con umiltà”

Dopo l’ufficialità da parte della Salernitana, Candreva ha rilasciato un’intervista ai canali social del club campano. Le sue dichiarazioni: ” Molto contento di essere arrivato qui a Salerno. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura insieme a voi. Appena arrivato ho avuto subito sensazioni positive. Sarà un campionato diverso dal solito, dobbiamo pensare partita dopo partita e arrivare alla sosta nel migliore dei modi. Non ho esitato a rispondere subito presente, per la voglia, per l’entusiasmo e il per il progetto”.

“Sono qui per continuare il grande lavoro che hanno fatto i miei nuovi compagni l’anno scorso e di dare continuità. Vengo con grande entusiasmo e voglia di fare bene. Il mio obiettivo personale è aiutare la squadra a ripetersi e a fare bene. Cercherò di mettere il mio entusiasmo a disposizione dei compagni e della piazza. Mi sono sentito con Bonazzoli, mi aveva già parlato in ritiro di come è stato bene qui. Ha fatto una grande stagione, deve ripetersi perchè ha le condizioni di poterlo fare. Ci aspettiamo tante cose da lui, da me e da tutti”.

“Ribery? Grande calciatore e grande persona anche se non lo conosco personalmente, non ha bisogno di presentazioni. È un esempio per tutti noi. È venuto a Salerno e si è messo a disposizione, un punto di riferimento. Roma?  Il campionato di Serie A è difficile, tutte le gare sono complicate. Bisogna affrontarle tutte nel migliore dei modi e con la giusta determinazione e con umiltà. Non vedo l’ora di abbracciare i tifosi e di iniziare questa nuova avventura”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News