Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Felix insegue il rilancio. Ma sarà lontano da Mourinho

De Sanctis portò il ragazzo nel settore giovanile della Roma e ora lo vuole a Salerno

Felix Afena-Gyan è pronto a vivere la sua prima vera stagione da professionista. Domani sarà in panchina nell’esordio della Roma in campionato contro la Salernitana, sicuramente prima o dopo il match andrà a salutare un dirigente del club granata a cui deve il suo arrivo nel 2021 a Trigoria. Perché se ha come più volte detto “Mourinho è come un padre“, di certo non può essere da meno Morgan De Sanctis, l’allora direttore sportivo della Roma che ha deciso di puntare sul ragazzo portandolo nel settore giovanile giallorosso.

Adesso Felix e De Sanctis si incontreranno di nuovo e saranno l’uno contro l’altro. Per quanto, però, è un mistero. Perché il direttore sportivo della Salernitana ha avuto contatti con la Roma per prendere il ragazzo e portarlo nella squadra di Nicola. Le richieste economiche di Pinto hanno fin qui frenato una trattativa che nelle ultime settimane di mercato potrebbe riaprirsi anche sulla base di un prestito con diritto di riscatto. Felix, che ha rinnovato fino al 2026, vorrebbe rimanere in giallorosso per continuare a crescere con Mourinho, ma non disdegnerebbe di approdare in un club dove avrebbe più chance di giocare con regolarità. Scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa