Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma scopre l’abbondanza in mezzo: ora sono in quattro più il jolly Pellegrini

Il calciomercato ha rivoluzionato il centrocampi di Mourinho. Il capitano esaltato nelle nuove vesti da jolly

Rivoluzione doveva essere, rivoluzione è stata. È il centrocampo il reparto più stravolto dall’ultima sessione di mercato. Via Veretout, Oliveira e Mkhitaryan (senza considerare Diawara, esubero a Trigoria con le valigie pronte), dentro Matic, Wijnaldum e…Pellegrini. Sì, proprio Lorenzo che si riscopre nella seconda stagione targata Mourinho un jolly prezioso. Nella nuova Roma formato fantasia, il Capitano sembra sempre più a suo agio nella doppia veste di regista-trequartista. Capace all’occorrenza sia d’impostare da dietro, venendo in soccorso di Matic, sia di rifinire o concludere l’azione, come accaduto nel primo gol contro lo Shakhtar.

Quella nata dal mercato è una Roma più completa. La dimostrazione arriva da Cristante: titolare indiscusso della passata stagione (46 presenze su 55), ora è il “sesto uomo” calcistico di José. Anche se, continuare a parlare e scrivere di titolari e riserve, in un calcio che vede confermate le cinque sostituzioni, non ha più senso. Una mediana, quella giallorossa, assortita come poche altre. Qualità e quantità a disposizione di Mou. Forse ad esser pignoli manca un vice “Gini”. Ma dovendo considerare il percorso di crescita che a Trigoria hanno in mente per Bove – sulla falsa riga di Zalewski, per intenderci – ci si può accontentare. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa