Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo-Roma, si tratta: prime prove di prolungamento

Prime prove di rinnovo con l’entourage

Che qualcosa fosse cambiato lo si era capito già da un po’ di tempo, non fosse altro perché negli ultimi venti giorni era tornato il sereno anche nei rapporti interpersonali. Ieri a Milano il g.m. giallorosso Tiago Pinto e Claudio Vigorelli – l’agente di Zaniolo – si sono messi a tavolino e hanno ripreso a parlare del futuro dell’attaccante azzurro.

Per ora una semplice chiacchierata, che però ha gettato le basi su cui ragionare presto insieme. Approfondendo la questione nella sua interezza.  Zaniolo, che è uno dei gioielli della Roma ma che ha passato tutta questa finestra di mercato in bilico, con Juventus e Tottenham pronte eventualmente ad accoglierlo a braccia aperte.

Ed invece la famosa offerta da 60 milioni di euro( questa è la valutazione che dà la Roma al suo attaccante) non è mai arrivata a Trigoria e qualcosa contemporaneamente è cambiato in corsa. Perché Nicolò ha cambiato atteggiamento, ha capito che a Roma si vuole alzare l’asticella e anche il rapporto con Mourinho è progressivamente migliorato.

È evidente, però, che se si deciderà di andare avanti insieme ci sarà anche un contratto tutto nuovo da firmare (quello attuale scade il 30 giugno del 2024). Di questo, appunto, hanno iniziato a parlare ieri Pinto e Vigorelli, promettendosi di tornarci su a settembre, a mercato concluso.

Un nuovo contratto per Zaniolo non può che avere scadenza 2027, considerando di che giocatore stiamo parlando ed i suoi “soli” 23 anni. Oggi Zaniolo guadagna circa 2,8 milioni di euro (bonus inclusi), la piattaforma per un prossimo accordo potrebbe partire da 4milioni, a cui aggiungere eventualmente bonus più o meno facili. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa