Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho e arbitri: la “lezione” per far pace

Lo Special One a lezione con l’arbitro Mariani

La prima a Salerno è filata via liscia. Nessun episodio controverso, nessuna protesta particolare contro l’arbitro Sozza, che ha diretto il debutto vincente della Roma con discreta scioltezza. Che possa essere iniziata una nuova fase nel rapporto tra i giallorossi e i fischietti è tutto da verificare. Difficile, considerando la tensioni che ormai dilagano nel calcio italiano e non, ma ieri si è provato a muovere un altro passo in avanti.

L’arbitro internazionale Maurizio Mariani della sezione di Aprilia, che con le regole attuali non può essere designato per le partite della Roma e della Lazio, ha tenuto una lunga “lezione” a Trigoria davanti a Mourinho, lo staff e la squadra al completo. Presente anche il Chief Football Operating Officer del club Maurizio Lombardo, l’incontro è servito a chiarire le nuove regole introdotte quest’anno, con particolare attenzione al fuorigioco.

In una circolare inviata dall’Ifab agli arbitri, sono stati spiegati meglio i criteri per interpretare deviazioni dei difendenti nel caso di passaggio verso un attaccante in posizione di un fuorigioco. Quei tocchi verranno considerati una giocata volontaria, e quindi annulleranno la posizione di offside, solo a determinate condizioni che sono state illustrate da Mariani ai giocatori nel video di spiegazioni preparato dall’Aia.

C’è stato modo per Mourinho e i calciatori di fare domande per togliersi altri dubbi e chissà se basterà per rendere più sereni i rapporti in campo. La Roma, intanto, ha confermato, con un rinnovo per altri due anni, il consulente esterno Gianpaolo Calvarese, che continuerà a preparare i giallorossi prima delle partite e analizzerà insieme a loro e a Mourinho le decisioni prese di volta in volta.

Lo riporta Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa