Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala, la vita è dolce: Samuel gli ha promesso un Mondiale in prima fila

La Joya tra Roma e Mondiale

La luna di miele tra Paulo Dybala e la Roma è cominciata poco più di un mese fa. In un mese Dybala è entrato nel cuore della gente, per il suo modo di essere il campione con la faccia pulita. Per l’esordio casalingo di lunedì è il campione più atteso. A Salerno ha colpito il palo, contro la Cremonese cerca il primo gol, per festeggiarlo sotto la curva e vedere l’effetto che fa. Dopo una minivacanza a Capri si è rimesso subito al lavoro. In questi giorni di duri allenamenti è contentissimo. Sente che la condizione sta migliorando, dopo aver cominciato a lavorare con due settimane di ritardo rispetto ai compagni.

È stato felice della visita di Samuel a Trigoria. L’ex Muro giallorosso è il più stretto collaboratore di Scaloni, il commissario tecnico della Nazionale. Samuel gli ha detto che l‘Argentina punta su di lui, sa che fare bene in giallorosso può aiutarlo a preparare un grande Mondiale. Dybala è sempre sorridente in allenamento, non era così negli ultimi tempi alla Juventus. Nella Roma si è inserito in fretta, ha trovato un gruppo unito. Adesso è felice perché la fidanzata, Oriana, sarà all’Olimpico con la madre e il fratello Gustavo.

Prova ad immaginare cosa succederà se farà gol. Si è fatto raccontare tutto sulla Curva Sud, la storia, l’inno, i gruppi. Ci tiene tantissimo ad avere un bel rapporto con i tifosi. Presto lascerà l’hotel e andrà a vivere a Casal Palocco. Ha scelto la villa dove abitava Veretout, che ha bisogno di una piccola ristrutturazione. Andrà ad abitarci a settembre. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa