Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Guidi: “Buono il risultato, mi è piaciuto lo spirito del secondo tempo”

Le dichiarazioni del mister dopo il primo successo sulla panchina giallorossa

Alla fine della partita vinta 3-0 sul campo del Cesena, il tecnico giallorosso ha rilasciato la seguente intervista ai canali ufficiali del club. Ecco le sue parole, riprese dal sito web della Roma:

Buonissimo il primo tempo, anche se i gol sono arrivati nel secondo.

“Diciamo buono il risultato, non era facile, era la prima di campionato. Abbiamo visto su altri campi, ci sono stati risultati anche strani. Nel primo tempo abbiamo giocato bene, ma non ero soddisfatto perché secondo me la squadra poteva fare meglio, potevamo essere più efficaci”.

“Nelle occasioni che abbiamo creato, secondo me, su alcuni palloni siamo stati un po’ superficiali. È quell’atteggiamento che per chi vuole diventare un calciatore professionista, non deve assolutamente avere. Mentre sono stato soddisfatto della ripresa in cui abbiamo avuto il dominio del campo, della palla, abbiamo creato tantissimo e segnato subito due gol nel giro di pochi minuti”.

“Mi sembrava ci fosse un altro spirito, sia come singoli, sia come squadra. Sappiamo che la strada è appena iniziata, che è una strada difficile, lunga, però è chiaro che dobbiamo ripartire dal secondo tempo soprattutto”.

Anche i cambi hanno dato quel qualcosa in più nel secondo tempo.

“Assolutamente. Ma questo lo rimarco sempre, sarò anche ripetitivo durante la stagione. Ho la fortuna di avere una rosa profonda, di qualità, chi entra ha le stesse potenzialità di chi gioca dal primo minuto. Ci sarà competitività nel lavoro quotidiano”.

“Saranno loro che mi faranno scegliere gli undici che devono entrare in campo. Quelli che sono entrati in campo oggi, sono entrati veramente bene. Gli faccio i complimenti”.

Ci sono aspetti da migliorare?

“Molte volte siamo mancati nella pressione, dove non abbiamo coperto la palla, abbiamo lasciato secondo me troppo tempo e spazio ai giocatori del Cesena in avvio di azione. Siamo mancati in qualche riaggressione, abbiamo concesso un’occasione su un calcio d’angolo nostro”.

“Sono errori che in precampionato non vedevo e quindi sono quelle cose che non tollero. La superficialità è una cattiva consigliera per chi vuole diventare calciatore. Nella ripresa siamo stati più efficaci, la squadra è stata più vicina, abbiamo giocato meglio tecnicamente, siamo riusciti ad addormentare la partita nella maniera giusta, abbiamo affondato con i tempi giusti. È stato sviluppato in una maniera migliore”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera