Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Primavera della Roma del dopo-De Rossi riparte oggi da Cesena. Faticanti è il capitano

L’esordio della nuova Primavera giallorossa

Sarà strano, oggi alle 16.30 (diretta Solocalcio e sull’app di Sportitalia), vedere un altro allenatore sulla panchina della Primavera della Roma che non sia Alberto De Rossi. Il nuovo ciclo parte dal Manuzzi di Cesena, palcoscenico scelto dal club romagnolo per celebrare l’approdo nel campionato Under 19 più prestigioso. E prestigioso è anche l’avversario, la Roma affidata a Federico Guidi (De Rossi è stato nominato responsabile dello sviluppo e della formazione degli allenatori delle squadre nazionali), che riparte dalla finale persa a maggio a Reggio Emilia contro l’Inter.

L’organico è ovviamente cambiato – di ragazzi classe 2003 potranno giocarne solo cinque a partita – ma le ambizioni restano, visti anche i tanti giovani fatti debuttare nella scorsa stagione da Mourinho in prima squadra. “Quando sono entrato per la prima volta a Trigoria è stata un’emozione difficile da spiegare – le parole di Guidi -. Ora si comincia a fare sul serio: la crescita di ogni ragazzo deve andare di pari passo con la prestazione“.

Il capitano sarà Giacomo Faticanti, centrocampista classe 2004 che nei giorni scorsi ha rinnovato il contratto fino al 2026. Il portiere, invece, è Gabriele Baldi, visto che la Roma ha deciso di mandare quello che sarebbe stato il titolare – Mastrantonio – in prestito in Serie C, alla Triestina. Altre stelline da seguire: i difensori Keramitsis e Missori, il fantasista Pagano, l’attaccante italo-australiano Volpato. Sono arrivati due difensori anche dall’estero: i difensori francesi Silva e Foubert-Jacquemin, entrambi classe 2003. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa