Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Alvini: “Partita difficile in una cornice importante. Ripartiamo dall’atteggiamento di Firenze”

Le parole di Alvini in conferenza stampa

Massimiliano Alvini ha parlato in conferenza stampa in vista del match di domani contro la Roma. Di seguito le sue dichiarazioni.

Da dove si riparte dopo l’esperienza di Firenze?
“Abbiamo già giocato con una delle otto sorelle, ripartiamo dalla prestazione e dall’atteggiamento di Firenze. Sicuramente abbiamo analizzato quello che abbiamo fatto bene e quello che potevamo fare. Al Franchi la Cremonese ha fatto la sua partita e dobbiamo ripartire da lì e dal lavoro fatto in settimana”

Che gara si aspetta?
“Mi aspetto una partita difficile, bella e in una cornice importante. Mi aspetto una gara da Cremonese, da quella che in questo momento è la nostra identità e i nostri punti di forza. Abbiamo grande rispetto della Roma, sappiamo chi abbiamo davanti e ne siamo a conoscenza, ma vogliamo andare all’Olimpico per fare una partita da Cremonese”

Il punto sugli infortunati?
“Molto chiara, abbiamo fuori Escalante per squalifica e Castagnetti ha un problema al costato che non gli permette di respirare bene. Vedremo per quanto riguarda il recupero di Valeri se utilizzarlo o no”

Come sta Radu?
“Durante la settimana abbiamo dedicato mente e corpo sul lavoro, sincronia completa. Ogni giorno ci siamo concentrati sull’allenamento per cercare di migliorare, nient’altro. Il suo punto di forza è quello di potersi dedicare completamente all’allenamento tutti i giorni. Da lì passa il miglioramento del calciatore. Gli ho detto di dedicarsi completamente al miglioramento”

La difesa a 4 è un’opzione?
“Non cambia tantissimo, anche con la Ternana a un certo punto abbiamo ruotato difendendo a quattro. Questa squadra può giocare in entrambi i modi, l’impotante è che io abbia chiari i principi e li sappia trasmettere ai calciatori. Possiamo giocare in qualsiasi modo”

La Roma si abbassa più della Fiorentina, cosa si aspetta?
“Domani in mezzo al campo giochiamo in maniera diversa per levare le traiettorie ai tre davanti, Ascacibar potrebbe giocare nel ruolo fatto a Firenze per levare le imbucate a Zaniolo, Abraham e Dybala. C’è qualche giocatore in meno in quel ruolo, la Roma è una grande squadra che può abbassarsi per attaccarti in campo aperto. Dovremo curare bene i dettagli e i particolari, a prescindere da quanto si abbasseranno”

A Firenze c’è stata difficoltà con gli esterni, a Roma la qualità è tantissima.
“Noi a Firenze abbiamo fatto una partita importante contro una squadra che ha giocato per la Conference Leauge. In questo momento Sottil mette in difficoltà chiunque, bisogna saper leggere la qualità dei calciatori e lì ci sta l’adattabilità alla partita. Per me a Firenze la Cremonese ha fatto un’ottima partita e non è stata premiata solo dal risultato”

Domani incontrerà un grande mister come Mourinho
“Per me è un piacere, così come per la Cremonese e Cremona. Per tutti, tifosi, società e città. Giocare contro la Roma è fantastico, gratificante per tutti. Se devo essere sincero, da allenatore per me è straordinario. Nel 2010 faceva il triplete con l’Inter e io lo facevo con il Tuttocuoio, se penso a 12 anni fa e al fatto che ora ci gioco contro ne sono felice, potergli dare la mano domani sarà bello. Quello che è ancora più bello è ciò che vogliamo fare domani, essere all’altezza di quella tradizione e di quel campo”

Domani l’Olimpico sarà tutto esaurito e la Cremo è molto giovane. Che impatto si aspetta?
“Lo capisco, ma il giovane che domani gioca all’Olimpico dev’essere felice, perché è gratificante. Un ragazzo che domani gioca Roma-Cremonese è una delle cose più belle che gli possa accadere nella vita, per chi ha scelto di fare questo lavoro. Sta tutto nella personalità e nella voglia di fare bene, non può esserci la paura. L’ansia da prestazione appartiene a tutte le performance, ma non serve la paura. Siamo fortunati a poter giocare una partita del genere”

Cosa si aspetta dal mercato?
“Da quando siamo partiti penso poco la campionato, ci pensa la proprietà. Già è stato fatto un mercato straordinario e posso solo dire grazie per questo, non so cosa cambierà da qui alla fine, penso solo alle partite che ci aspettano”

Lochoshvili e Aiwu domani ci saranno?
“Sono due giocatori arrivati da una settimana, l’integrazione è importante. Sono a disposizione, li abbiamo cercati e domani saranno convocati regolarmente. Potrebbero essere della partita. La squadra sta lavorando forte e siamo in viaggio, stiamo cercando di crescere”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News