Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Belotti e un mediano nel mirino

Pinto al lavoro per completare la rosa

Almeno altri due rinforzi. Per equilibrare la rosa e provare a rendere meno dolorosa possibile l’assenza di Wijnaldum per i prossimi mesi. Anche dopo la vittoria con la Cremonese, Mourinho ha parlato in termini chiari del mercato giallorosso che – per essere definire completo – dovrà portare a Trigoria almeno un nuovo attaccante e un centrocampista. Per il ruolo di vice Abraham la scelta è già stata fatta e, adesso, rimane soltanto da capire il giorno in cui Andrea Belotti diventerà un nuovo giocatore giallorosso.

In questo senso, da oggi qualsiasi momento può essere quello giusto. Anche ieri infatti Roma e Cremonese hanno continuato a trattare la cessione di Felix, che si sta convincendo ad accettare il trasferimento nella squadra allenata da Alvini. Ancora da scegliere invece il profilo giusto per provare a sopperire alla mancanza di Wijnaldum.

In lizza ci sono Lukic (che vorrebbe lasciare il Torino), lo svincolato Grillitsch e Bakayoko: il Milan infatti accetterebbe senza problemi di interrompere il prestito del francese ma il Chelsea – proprietario del cartellino – vuole monetizzare dalla sua cessione e chiede 3 milioni di euro. Lo Special One ha fatto capire chiaramente come all’appello mancherebbe anche un altro difensore, ma si è detto disposto ad adattare in quel ruolo Cristante o Matic. L’arrivo di un quinto centrale rischia quindi di slittare a gennaio. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa