Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala, a te la Juve

Paulo Dybala sabato affronterà il suo passato: Juventus-Roma è (anche) la sua partita

L’ultima fotografia di Paulo Dybala all’Allianz Stadium è di 103 giorni fa. Esattamente del sedici maggio 2022, la partita è finita da un po’ e lui, seduto a piedi nudi in mezzo al campo con Vlahovic e Morata accanto, si gode per l’ultima volta i rumori, le luci, l’odore dell’erba su cui ha danzato e incespicato infinite volte.

La storia tra la Joya e la Signora è stata lunga e intesa ma come tutte le grandi passioni anche sofferta e tormentata. L’argentino ha avuto un rapporto unico e simbiotico con i tifosi, che lo hanno amato e trattato come un idolo, altalenante e a tratti conflittuale con la società, che non gli ha mai riconosciuto quella centralità che il giocatore pensava di meritare, anteponendogli prima Cristiano Ronaldo e poi lo stesso Dusan Vlahovic.

Sono stati 7 anni colmi di esultanze, notti magiche e trofei, ma anche di delusioni, stop (tanti soprattutto nelle ultime tre stagioni, compresa la positività al Covid durata tantissimo), cadute e ripartenze.  Il primo gol Dybala lo segnò alla Lazio nel debutto in Supercoppa, il primo in Serie A invece alla Roma: forse un’indicazione del destino. La doppietta più importante la fece al Barcellona nella sua serata top: uno show sotto gli occhi di un impotente Leo Messi.

I tifosi bianconeri lo hanno applaudito a lungo il giorno dell’addio, mentre lui piangeva inconsolabile in mezzo al campo, lo faranno anche sabato, quando 103 giorni dopo l’ultima volta tornerà allo Stadium per la prima volta da avversario. E se segnerà non esulterà, perché la Roma adesso è il suo presente ma il passato resta e per Paulo merita di essere rispettato. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa