Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Tiago Pinto: “Girone competitivo ma vogliamo andare avanti. I tifosi possono avere fiducia sul mercato”

Le parole del gm giallorosso dopo il sorteggio della fase a gironi

Tiago Pinto ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del sorteggio della fase a gironi della Europa League. Queste le dichiarazioni del dirigente giallorosso:

Opinione sul girone?

“Quando arriviamo a questi livelli in Europa è sempre difficile. Il Betis è una squadra che conosciamo che ha fatto una grande stagione scorsa, abbiamo avuto l’opportunità di giocarci in estate. Sarà una sfida importante. È un gruppo competitivo, ma noi siamo qui per andare avanti.

Avete alzato molto il livello della rosa, manca ancora qualcosa sul mercato?

 “Hai detto un a cosa importante che quando una squadra vince una competizione si ha maggiore fiducia. Noi abbiamo la responsabilità di fare bene, vincere il girone, andare avanti, questo è il nostro obiettivo. Il mercato non è ancora chiuso, vediamo cosa succede in questi 4-5 giorni. Ho ancora da lavorare, vediamo.

Belotti e Camara?

“Voglio ringraziare i tifosi della Roma perché prima del sorteggio abbiamo venduto 35.000 abbonamenti. Sul mercato capisco la curiosità delle persone. Quello che hanno capito è che quando succede un problema, troviamo subito una soluzione. Lo abbiamo fatto la scorsa stagione. Fino alla fine del mercato lavoreremo insieme per avere una squadra più forte della scorsa stagione. Possono avere fiducia”.

Un nome giovane della rosa

“Noi abbiamo un piano di lavoro molto pratico. La stagione scorsa hanno cominciato Zalewski, Bove, Darboe, Boer e Felix, poi Missori e Volpato. Il mister segue molto il settore giovanile. Adesso Faticanti e Volpato sono i ragazzi che hanno una prospettiva maggiore. Hanno qualità, ma anche la responsabilità di lavorare ed essere professionisti. Abbiamo la fortuna di avere Mourinho che dà l’opportunità ai giovani”.

Wijnaldum? 

“Devo dire che sono stato 24 ore difficili da gestire. Abbiamo messo tanto per portare Gini alla Roma, sapevamo che era importantissimo per la squadra. Lui è stato il primo ad avere un sorriso e una motivazione per andare avanti. Noi ci siamo e credo che sarà il nostro grande rinforzo di gennaio”.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra