Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala coi lupi fra pianti e rimpianti

Quella di oggi pomeriggio è la partita di Paulo Dybala: la Joya sfida il suo passato

Il punto è: Dybala piangerà? E se sì, sarà di gioia o di malinconia, di rivalsa o di tenerezza, di emozione o di soddisfazione o magari di dolore, visto che Dybala ha già pianto molte lacrime e di ogni tipo? Ma se stavolta invece non piangesse, sarebbe perché la scorza da cui s’è fatto rivestire in questo inizio di nuova vita lo ha corazzato a livello emotivo, tant’è che sta imparando a guardare le cose con un minimo di durezza, con quel tocco di professionale disincanto che non aveva mai preso piede nel suo calcio spontaneo (lui gioca come in cortile, come vorremmo giocare tutti) così amato dalla gente, mica solo juventina.

“Paulo ha faccia di bambino ma non lo è” diceva ieri Mourinho, richiamando a sua insaputa un vecchio giudizio di Allegri: “Dybala ha lo sguardo di un bambino, ma sa essere un killer“. Non per la spietatezza, ma per la lucida determinazione. Nel giorno del suo ritorno a Torino, con le ferite del distacco ancora aperte, Dybala ha senz’altro l’anima in tumulto, perché della Juve era innamorato davvero e la separazione è stata un trauma. Le lacrime — copiose, svergognate, limpidissime — della notte dell’addio si sono però sedimentate in corazza perché gli hanno insegnato quanto dura possa essere la vita dei sentimentali, a confronto del gelo manageriale con cui la Juve lo ha mandato via pochi mesi dopo avergli messo in mano il futuro, con un contratto cui mancava solo la formalità della firma.

Da allora, Dybala ha messo coperture e lucchetti al suo mondo interiore, anche se una furtiva lacrima gli è sfuggita anche la sera della festa romana tra le luci del Colosseo quadrato: lì ha riscoperto l’emozione liquida ma è riuscito, se non a trattenerla, almeno a contenerla. Questi giorni li ha vissuti sereno, l’ha confermato anche Mou, che lo sta proteggendo senza far finta di essere come un padre. Paulo ha voluto scrivere sui social un messaggio dolce corredato con una bella immagine di un Dybala in bianconero che abbraccia un Dybala giallorosso, o forse gli passa le consegne. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa