Resta in contatto

Approfondimenti

Mourinho sovrano in Europa: solo una volta fuori ai gironi

Il tecnico portoghese in venti anni tra Champions, Europa League e Conference ha praticamente sempre disputato la fase a eliminazione

José Mourinho è sovrano in Europa. Il tecnico portoghese è uno dei due ad aver già vinto l’Europa League tra i trentadue che si presentano ai nastri di partenza dell’edizione 2022/2023. Non solo, notizie positive anche per la fase a giorni con la quale ha una grande tradizione.

La Champions League

Negli ultimi venti anni ha allenato 17 volte squadre che hanno disputato la Champions League: 2 volte il Porto, 7 il Chelsea, 2 l’Inter, 3 il Real Madrid, 2 il Manchester United e 1 il Tottenham. L’ha vinta con i portoghesi nel 2003/2004 e con i nerazzurri completano il Triplete nel 2009/2010. Con i Blues ci è andato vicino nel 2007/2008 arrivando in finale. Per il resto conta 6 semifinali (Chelsea 2004/2005, 2006/2007, 2013/2014; Real Madrid 2010/2011, 2011/2012, 2012/2013) i quarti di finale con lo United nel 2018/2019 e 5 volte gli ottavi (Chelsea 2005/2006, 2014/2015, 2015/2016; Inter 2008/2009; United 2017/2018; Tottenham 2019/2020). L’unica volta che non ha superato la fase a gironi è stata nel 2001/2002 con il Porto. Era la sua prima esperienza europea essendo subentrato a gennaio per sostituire Octavio Machado.

Europa League e Conference

Nelle competizioni inferiori lo storico sorride ancora di più. Nel 2021/2022, il suo primo anno alla Roma, ha vinto a Tirana la prima edizione della Conference League. In Europa League è arrivato agli ottavi con il Tottenham nel 2020/2021, venendo eliminato a sorpresa dalla Dinamo Zagabria che rimontò la sconfitta dell’andata, e ha vinto nel 2016/2017 con lo United. Ora ci riprova per la terza volta.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti