Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Roma, ecco quanto vale l’Europa League

Le cifre dietro la partecipazione alla seconda più importante competizione europea

Oggi prenderà il via l’edizione 2022/23 dell’Europa League. A rappresentare la Serie A saranno le due squadre della capitale, Roma e Lazio. I giallorossi sono stati sorteggiati nel girone con Helsinki, Ludogorets e Real Betis. Ma quanto possono guadagnare dalla partecipazione all’Europa League? Vediamo nel dettaglio.

Per la partecipazione ogni club incasserà 3,63 milioni di euro, mentre sul fronte ranking storico la Roma incasserà 3,96 milioni di euro, più dei rivali cittadini biancocelesti.
Passando al market pool, metà di questa voce (69,75 mln di euro) sarà diviso in tante quote quante sono le federazioni rappresentate da almeno un club nella fase a gironi, che per quest’edizione saranno 23. Per la prima parte del market pool il club giallorosso incasserà 1,82 milioni di euro.

Nel complesso, sommando tutte le quote minime garantite, la Roma incasserà quasi 10 milioni di euro. La cifra sarà sicuramente arricchita dai bonus risultati durante la fase a gironi.

Infatti per ogni partita della fase a gironi verranno assegnati dei bonus in base alle prestazioni:
– 630.000 euro per una vittoria
– 210.000 euro per un pareggio

Le vincenti dei gironi riceveranno un bonus di 1,1 milioni di euro, mentre le seconde 550.000 euro. A questi bisognerà aggiungere la seconda parte del market pool che dipenderà dal numero di partite che la Fiorentina disputerà nel torneo.

La qualificazione agli ottavi di finale della competizione europea porterebbe 1,2 milioni, mentre sarebbero 500 mila euro in caso di spareggi. Proseguendo il percorso in Europa League, i quarti di finale portano 1,8 milioni di euro, le semifinali 2,8 e l’approdo in finale 4,6. In caso di vittoria della Coppa ci sarebbero da aggiungere altri 4 milioni. Il totale ammonterebbe a 22,91 milioni di euro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti