Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo ci prova, Camara si scalda

Nicolò Zaniolo potrebbe essere convocato da Josè Mourinho per la sfida contro l’Empoli

Fuori Zalewski, dentro Camara. E forse Zaniolo. Nei lavori in corso a Trigoria, Mourinho sta valutando qualche novità nella squadra che giocherà domani sera a Empoli. A sinistra giocherà Spinazzola, che è chiamato a una partita d’orgoglio dopo l’inizio di stagione (comprensibilmente) stentato.

Ma la vera priorità è sistemare il centrocampo, per non essere obbligati ad accoppiare un’altra volta Cristante e Matic. Potrebbe, dunque, essere scattata l’ora del debuttante: Mady Camara, dopo i due spezzoni incoraggianti contro Udinese e Ludogorets, potrebbe giocare la prima partita da titolare nella Roma. Due settimane di allenamenti con i nuovi compagni gli sono serviti per raggiungere una buona condizione atletica e per integrarsi nei meccanismi necessari.

È lui, più di Bove che pure meriterebbe di giocare, il principale indiziato alla promozione, probabilmente al posto di Cristante che è stato uno dei responsabili dell’assurdo gol subito a Razgrad, il primo

Sicuro è il rientro di Abraham, che ha smaltito la contusione alla spalla. Probabile anche quello di Karsdorp, che era stato esentato dalla trasferta bulgara per precauzione. Il grande punto interrogativo resta invece Nicolò Zaniolo che negli ultimi giorni si sta allenando con grande intensità per ritrovare il prima possibile un accettabile stato di forma. La spalla lussata è praticamente guarita. In base all’allenamento di rifinitura, stamattina, Mourinho deciderà se utilizzarlo, magari a partita in corso. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa