Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pasqual: “L’Empoli dovrà contenere Abraham e Dybala e sfruttare le ripartenze con gli esterni”

Le parole dell’ex terzino sulla sfida del Castellani in programma domani

L’ex giocatore dei toscani Manuel Pasqual, oggi commentatore per Dazn, ha parlato a “La Nazione” del match di domani sera, partendo però dal 4-0 subito dalla Roma con l’Udinese: “Prima di tutto c’è stata una differenza di impatto fisico sulla partita, di idee chiare da parte dell’Udinese su che tipo di gioco esprimere in base all’avversario che aveva davanti”

Crede nell’impresa dell’Empoli domani sera al Castellani?

“La maturità di una formazione passa da grandi partite contro top club come la Roma, anche se arriva da due sconfitte consecutive, fra campionato e coppa. Servirà l’intelligenza tattica dei giocatori in campo e la lettura dei movimenti. Dovranno mettere in difficoltà la Roma, impedendogli di creare gioco nell’uno contro uno e di sfruttare la velocità di Abraham. Poi la la vera impresa finale degli azzurri sarebbe salvarsi in serie A per il secondo anno consecutivo”.

Nell’Empoli chi potrebbe fare la differenza?
“I due centrali difensivi che dovranno essere bravi nelle letture per tenere la squadra corta e togliere profondità agli attaccanti giallorossi. Poi saranno fondamentali gli esterni nello sfruttare le ripartenze”.

Quali sono i pericoli principali nella sfida ai giallorossi? 

“Dybala che cerca sempre di muoversi su tutto il fronte d’attacco e Abraham che, se sta bene, ha qualità enormi. Sono uomini che possono spaccare le partite se hanno spazio in profondità. Non vanno fatti ragionare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News