Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ad Empoli per ripartire. Zaniolo c’è

Il numero 22 torna a disposizione

Non poteva esserci notizia migliore per José Mourinho, alla vigilia della delicata sfida di campionato sul campo dell’Empoli. Sul charter che ieri ha portato la squadra giallorossa a Firenze (oggi lo spostamento in pullman verso lo stadio), ha trovato posto anche Nicolò Zaniolo. La spalla non gli dava più fastidio da giorni e la voglia di tornare ad aiutare i compagni in questo momento era tanta. Difficilmente troverà una maglia da titolare ad attenderlo, sul posto a lui riservato nello spogliatoio del Castellani, ma senza dubbio sarà una carta preziosa per lo Special One, da giocarsi in corso d’opera. Il terreno di gioco toscano evoca tra l’altro bei ricordi nella mente del numero 22: lo scorso anno arrivò una vittoria rotonda e un gol in contropiede ad impreziosire la goleada romanista.

Quella che servirebbe tanto anche a questa Roma: Mourinho è alla ricerca dell’equazione giusta per far rendere al meglio tutti, vecchi e nuovi arrivati, in un modulo in grado di restituire nuovamente protezione al reparto arretrato ed efficacia a quello avanzato. Nelle ultime apparizioni la difesa ha concesso davvero troppo, il centrocampo è sembrato non avere cambio di passo e geometrie, l’attacco ha sprecato tanto rispetto a quanto creato. Ecco perché Empoli può essere l’occasione ideale per ripartire: un successo al Castellani porterebbe i giallorossi ad un punto dalla vetta, ovvero dall’Atalanta di Gasperini, che domenica prossima arriverà all’Olimpico. Per trasformarlo in un match ad alta quota serve che la Roma torni a Trigoria con tre punti in tasca. Non solo Zaniolo, lo Special One ha recuperato anche Abraham: assente invece Karsdorp, già out nella trasferta in Bulgaria contro il Ludogorets.

In porta rientrerà Rui Patricio, dopo l’esordio di Svilar e in difesa nessuna novità con i tre titolarissimi, Mancini, Smalling e Ibanez, in campo. Nessun dubbio per l’attacco, con Pellegrini e Dybala alle spalle di Abraham, uno invece sulla mediana. Out Zalewski (affaticamento muscolare), a sinistra agirà Spinazzola. A destra confermato Celik mentre, in mezzo, Camara insidia Cristante per una maglia da titolare accanto a Matic. A questa Roma il compito di allontanare l’aria di crisi e combattere il mal di trasferta, visto il rendimento: due sconfitte, un pareggio e una vittoria nelle quattro gare finora disputate lontano dall’Olimpico. José Mourinho si aggrappa alla voglia di riscatto dei suoi e alla cabala, che difficilmente lo abbandona nel momento del bisogno: con l’Empoli non ha mai perso, anzi ha sempre vinto. E non vuole iniziare a cambiare abitudine proprio ora, in una sfida che rischia di diventare un delicato spartiacque per la stagione della Roma: i 3200 tifosi giallorossi, che riempiranno il settore ospiti, lo sanno bene. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa