Resta in contatto

Approfondimenti

Roma-Atalanta: Mourinho domina ma mastica amaro, Gasp si difende e si regala una Joya

All’Olimpico passa l’Atalanta, rammarico per la Roma

Quando si cerca di analizzare una partita in base ai numeri prodotti, questi non tengono mai in conto delle emozioni e dell’errore umano, ma raccontano in maniera fredda quello che le squadre siano state in grado di mettere in campo.
Con il 56% di possesso palla, 12 tiri totali (5 nello specchio della porta), 19 punizioni calciate e 105 attacchi, la Roma ha dato vita ad una prestazione che avrebbe consentito, nel 90% dei casi o nella totalità degli altri sport, di arrivare facilmente alla vittoria.
Ma il calcio continua a custodire gelosamente la palma dello sport meno meritocratico mai concepito dall’uomo: basta un gol a mandare in frantumi numeri su numeri. E quello che ha fatto Scalvini, mettendo in in buca d’angolo un destro imprendibile, rientra nella casistica. Vittoria striminzita, probabilmente non meritata, ma pesantissima leggendo la classifica.

Mourinho ci ha provato, la Roma tutta ci ha provato, ma tra qualche episodio rivedibile alla moviola e tanta imprecisione sotto porta non è riuscita a portarsi a casa il risultato che aveva ampiamente meritato sul campo. Fa strano vedere la metamorfosi tattica dell’Atalanta di Gasperini, creatura feroce e aggressiva nella sua prima versione, ora fredda e calcolatrice come un ghepardo che prepara l’unico assalto di giornata, per non mancare l’appuntamento con il pasto.
Un Gasp in stile Special One e un Mourinho in salsa bergamasca, il copione tattico si è capovolto, come il risultato dell’ultimo Roma-Atalanta. Un caso? Forse no, ma non cercate la risposta nei numeri. Non la troverete.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti