Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Ibanez e Rui no limits, sorpresa Wijnaldum: ecco il minutaggio dei giallorossi

Il difensore brasiliano e Rui Patricio imprescindibili per Mou. Wijnaldum ha fatto più presenze di Camara e Vina messi insieme. Il minutaggio dei giallorossi nelle prime 7 di campionato

Si è chiuso il primo capitolo di una lunga stagione che si appresta affascinante, ed ora è arrivato il momento di fare dei bilanci. In queste prime 7 giornate di campionato ci sono stati diversi avvenimenti importanti: dall’infortuni, alle sconfitte pesanti, per poi passare alle vittorie che hanno alimentato l’entusiasmo del popolo giallorosso. In questa prima parte di campionato diversi giocatori sono risultati imprescindibili per Mou, come Ibanez e Rui Patricio, che sono stati in campo ben 630′ minuti. Di seguito c’è capitan Pellegrini il quale ha collezionato ben 611′ minuti, subito dopo Chris Smalling con 605′.

Tra i nuovi innesti chi ha giocato maggiormente è Paulo Dybala che vanta 473 minuti. Statistica curiosa riguarda Georginio Wijnaldum, utilizzato da Mourinho solo per 12′, ma che vanta più minutaggio di Camara e Vina messi insieme, rispettivamente 9′ per il primo e 1′  per il 5 giallorosso. Di seguito andiamo a vedere il minutaggio completo della rosa romanista dopo 7 giornate di campionato.

630’ Ibanez
630’ Rui Patricio
611’ Pellegrini
605’ Smalling
585’ Cristante
565’ Abraham
557’ Mancini
504’ Spinazzola
473’ Dybala
469’ Matic
349’ Celik
347’ Karsdorp
213’ Zaniolo
158’ Zalewski
120’ El Shaarawy
90’ Belotti
42’ Kumbulla
24’ Shomurodov
22’ Bove
12’ Wijnaldum
9’ Camara
1’ Vina
0’ Volpato
0’ Darboe
0’ Svilar
0’ Boer

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti