Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 21 settembre 2014: la Roma vince 2-0 contro il Cagliari. Florenzi esulta con la nonna (FOTO/VIDEO)

Gli uomini di Garcia trovano la vittoria contro la squadra dell’ex Zeman. Apre le marcature Destro, pochi minuti dopo arriva il gol del numero 24 


Il 21 settembre del 2014 la Roma otteneva tre punti preziosissimi vincendo contro il Cagliari dell’ex tecnico Zdenek Zeman. I giallorossi devono ottenere la vittoria se vogliono rimanere in scia della Juventus, ma i sardi non sono un avversario storicamente favorevole alla Roma. Nonostante tutto, la squadra di Garcia ci mette solo 10 minuti per trovare il vantaggio: Gervinho vede l’inserimento sulla destra di Florenzi e lo serve. Il numero 24 mette al centro un cross rasoterra su cui si avventa Mattia Destro, che insacca alle spalle di un giovanissimo Cragno (alla sua prima gara in Serie A).

Pochi istanti, e siamo già sul 2-0 per la Roma: al 13′ Keità serve Gervinho in area. L’ivoriano si gira e serve il pallone a Florenzi, che spara un missile imprendibile per il portiere rossoblu. Il romanista si rende protagonista non solo per il gol, ma anche per la particolarissima esultanza: corre infatti verso gli spalti della Monte Mario, sale le scale e va abbracciare la nonna, presente allo stadio. Il resto della partita è normale amministrazione. Nel secondo tempo il Cagliari cerca di spingere per provare a riaprire la partita, ma invano. La Roma vince e aggancia la Juventus in testa alla classifica, entrambe a punteggio pieno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord