Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ibanez fedele a Mourinho: “Se sono nella Seleçao il merito è del tecnico”

Il difensore ora sogna il Qatar con i verdeoro

Roger Ibanez aveva pensato di dare la sua disponibilità alla Nazionale di Roberto Mancini, ma quando lo ha chiamato il Brasile ha risposto sì senza pensarci. È la prima convocazione, “il sogno di una vita” e adesso sogna anche di convincere il c.t. Tite a dargli un’occasione per il Mondiale. Impensabile, fino a un anno fa, ma grazie alla continuità nella Roma, al lavoro di Mourinho (soprattutto sulla concentrazione) e alla sua duttilità tattica, Ibanez può quantomeno sperare. I piedi sono delicati (il 90% dei passaggi che fa arriva a destinazione), è rapido, ha fisico e può giocare a tre, a quattro (non a caso quando cambia modulo Mou lascia in campo lui e toglie Mancini) e può fare anche il terzino: tutte caratteristiche che hanno convinto il Brasile a chiamarlo. Adesso sta a lui.

Ibanez dovrà avere personalità e umiltà, le stesse che ha dimostrato nella prima conferenza nel ritiro brasiliano, che è in Francia perché le partite saranno contro il Ghana a Le Havre e a Parigi contro la Tunisia. “L’Italia è la culla della fase difensiva. I club hanno dei professionisti per farti imparare il più rapidamente possibile il loro modo di lavorare, quindi questo ci permette di migliorare molto. Ho fatto il mio primo anno all’Atalanta ed è stata un’esperienza importante per me, penso di essere cresciuto molto. Ma i consigli di Mourinho mi hanno aiutato tanto ed è anche per questo che oggi sono qui”, ha ammesso Ibanez. Anche perché a Bergamo ha giocato appena due partite, mentre con Mourinho è sceso in campo 60 volte su 64, e delle quattro che ha saltato solo in un’occasione è stato per scelta tecnica. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa