Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La scelta di Spinazzola: no alla Nazionale per riprendersi la Roma

Il laterale giallorosso ha chiesto a Mancini di restare a Trigoria a lavorare sulla condizione

Una telefonata, a volte, può essere un segnale di progresso, anche se il contenuto, in fondo vuole significare soltanto un arrivederci a presto. È quanto è accaduto nel colloquio fra Leonardo Spinazzola e Roberto Mancini. L’esterno difensivo della Roma, infatti, si è messo in contatto con il commissario tecnico per spiegargli il suo momento, chiedendogli perciò di essere esentato da questo giro di convocazioni della Nazionale. Inutile dire che Mancini ha capito benissimo la situazione, dando appuntamento al suo giocatore per la prossima volta.

Occhio all’aggettivo. Dire “suo” non è affatto una esagerazione, perché il rapporto che lo unisce al selezionatore azzurro è grande e sincero. Fra luci e ombre, si sta cominciando a rivedere quel Frecciarossa che è stato sempre un’arma in più per tutti coloro che lo hanno allenato. La continuità, però, è un frutto difficile da riassaporare subito, basti vedere la parabola di Nicolò Zaniolo che, dopo la lunga inattività, ha avuto bisogno quasi di una stagione di rodaggio prima di tornare ai livelli che quasi tutti gli riconoscono. Proprio per questo Spinazzola ha scelto di saltare i due prossimi impegni con la Nazionale e lavorare con lo staff dei preparatori della Roma per cercare la migliore condizione nel più breve tempo possibile. Inutile nascondere che con il club si ci si allena in modo diverso rispetto a quello che si fa con l’Italia. L’intensità è più alta, così come i ritmi, avendo a che fare con dei preparatori che conoscono alla perfezione il soggetto su cui tarare il lavoro. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa