Resta in contatto

Rassegna Stampa

JM 22, il figlio di, il cambiamento, l’incubo per Simone

Josè Mourinho è cambiato nel tempo, mantenendo sempre la sua identità

“L’espulsione non è una novità, riflette il mio modo di essere e di stare e non voglio che cambi”. E invece Mourinho è cambiato e non solo nel colore dei capelli o nelle rughe sul viso. È altro nei rapporti con i giocatori, i collaboratori, le situazioni. Non tutte. Oggi è più razionale.

Soltanto in partita la razionalità può arrendersi all’istinto, a una passione totalizzante, e allora – sì – ritroviamo il Mourinho delle manette e delle battute perfide destinate a arbitri (tanti), giornalisti (un’infinità) e colleghi suoi (anche). L’esplosione di rabbia di domenica scorsa durante Roma-Atalanta e quel “filho da puta” ripetuto più volte a favore di telecamera hanno riacceso la discussione sui suoi atteggiamenti.

Nel mondo arbitrale, che evidentemente non ha gradito, molti sono ancora convinti che il bersaglio fosse Chiffi .Mou ha però chiarito che ce l’aveva con Hateboer. Perché l’olandese aveva mimato il calcio al pallone in direzione della panchina romanista dopo aver ripreso l’azione nonostante il gioco fosse virtualmente fermo. Il giudice sportivo ha creduto a Mourinho che ha pagato la sovreccitazione con una sola giornata di squalifica. La sconterà proprio a San Siro contro l’Inter.

Un’Inter per la quale lui costituisce un ostacolo speciale, visto che Inzaghi viene da tre sconfitte nelle prime sette giornate. Sfida risolutiva per Simone? Chi può escluderlo? Sì, Mou è cambiato e c’entra eccome la Roma. Non è semplice spiegare cosa significhi per il popolo giallorosso. Potrei cavarmela così: soddisfa il bisogno di una guida credibile, affascinante e unica, talmente unica da riuscire a riempire l’Olimpico ancor prima di aver alzato un trofeo – non ricordo precedenti simili.

Mou ha dato alla figura dell’allenatore un’immagine più completa, ha inventato un genere, elevando la comunicazione a valore imprescindibile. Tanti hanno provato a imitarlo. Inutilmente. Le immagini che sui social descrivono il suo stato d’animo e che lasciano spazio a più interpretazioni, l’originalità del linguaggio, gli ammiccamenti, l’abilità nel “dopare” tutto a colpi di trovate spiazzanti e al tempo stesso coinvolgenti: Mou è tutto questo, abbinato al successo sportivo. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa