Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il bilancio di Mourinho: “Spesi solo 7 milioni, ma faremo bene”

Josè Mourinho ha parlato dal Portogallo a margine del Golden Quinas Gala

Fare meglio dello scorso anno e ribadire, ancora una volta, due cose: la grande empatia che si respira a Trigoria e le differenza con altri club che hanno speso di più nel mercato estivo. E, infine, tanto per non farsi mancare niente, il commento all’espulsione contro l’Atalanta e la volontà di non voler cambiare.

Non adesso, non dopo 22 anni di carriera festeggiati con un premio in Portogallo. Mourinho ha parlato a margine del Golden Quinas Gala. Chiaro, semplice, conciso: come in campo, Mou, che ha ricevuto il premio direttamente in Portogallo e che ha concesso alla squadra qualche giorno di riposo prima di riprendere gli allenamenti la settimana prossima, chiarisce che non è tempo ancora di andare in pensione.

C’è la Roma adesso, una squadra che dipende da lui e una piazza che, dal primo giorno, è completamente ai suoi piedi. E spera, dopo la Conference dello scorso anno, in un altro trofeo, tanto da riempire l’Olimpico in ogni partita, ormai da mesi, che sia campionato, coppa o amichevole. “La scorsa stagione abbiamo fatto quello che nessuno si aspettava, ora cercheremo di fare meglio. Non abbiamo lo stesso potenziale economico dei nostri rivali – l’ammissione di Mourinho – e abbiamo fatto un mercato da sette milioni di euro, ma abbiamo qualità, passione, tante persone a cui piace lavorare insieme, che è una cosa importante, e poi a fine stagione vedremo”.

Parole che, ancora una volta, ribadiscono il pensiero di un allenatore che vuole mantenere i toni bassi ma, al tempo stesso, non vuole dare nulla per scontato. Neppure l’idea che, col passare del tempo, possa diventare più calmo in panchina: “Ora, che festeggio 22 anni da allenatore, l’espulsione non è una novità per me, forse rispecchia il mio modo di essere. Non voglio cambiare”. E, soprattutto, nessun romanista vuole che lui cambi. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa