Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, tesoro Matic: il rinnovo scatta già in inverno

Una clausola pronta ad allungare il suo futuro in giallorosso

Nemanja Matic fino allo sbarco in Serie A aveva già disputato 159 partite agli ordini di José Mourinho. Una enormità se si considera che davanti a lui, in questa speciale classifica, fra i giocatori di movimento (e quindi escludendo Petr Cech, a quota 195), ci sono solo Ricardo Carvalho che ne vanta 292.

Impressioni? La graduatoria sarà destinata ad aggiornarsi, così come il contratto che lega il centrocampista alla Roma. Infatti, dal momento del suo arrivo, Matic ha giocato tutte le partite fin qui disputate dai giallorossi, e con questo ritmo non ci sarà neppure bisogno di arrivare in primavera per avere la certezza che il serbo si legherà alla società di Trigoria ancora per una stagione.

Nel suo contratto da circa 3,6 milioni, con bonus che lo possono far lievitare fino a 4,2 milioni, c’è infatti la clausola che con la metà delle presenze stagionali il rinnovo sarà automatico, con un ingaggio diverso a seconda se la squadra si qualificherà in Champions League oppure nelle altre coppe europee.

Morale: se si pensa che da qui alla sosta della stagione per via del Mondiale ci sono 12 partite, qualora il trend iniziale fosse confermato, il centrocampista scavalcherebbe il traguardo delle venti presenze già a novembre. Numeri da primato. Nonostante i 34 anni, insomma, il calciatore serbo sembra pronto a vivere una nuova giovinezza qui in Italia. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa