Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini, la Roma prima di tutto

Il capitano ci sarà

Non poteva mica mancare. Ed eccolo, presente, puntuale. Come già era successo altre volte in passato, Lorenzo Pellegrini ha piazzato la Roma davanti a tutto pur di giocare sabato sera contro l’Inter. Beh: l’obiettivo sembra raggiunto. Con un rientro graduale in gruppo, per evitare di forzare sul muscolo flessore affaticato, potrà addirittura indossare la fascia di capitano dal primo minuto. Il senso di responsabilità verso la Roma gli è costato di nuovo la Nazionale, che ha dovuto rimandarlo a casa dopo la visita a Coverciano che ha confermato il problema alla coscia. Pellegrini ha sentito il fastidio contro l’Atalanta verso la fine del primo tempo ma non ha chiesto la sostituzione: con la squadra in svantaggio ha preferito non pensare al futuro, e alle conseguenze, pur di garantire un apporto tecnico tangibile.

Lavorando a Trigoria, anche nei giorni liberi che Mourinho aveva concesso alla squadra, ha potuto curarsi e rimettersi in sesto, integrando il percorso di riabilitazione con un pool privato di specialisti ai quali si è rivolto qualche anno fa proprio per prevenire gli infortuni. Contro l’Inter quindi ci sarà. Ha già rassicurato Mourinho in questo senso. Resta da capire in quale ruolo verrà impiegato. La sensazione è che molto dipenda da Dybala, segnalato a sua volta in progresso e convocato dal ct Scaloni per l’amichevole dell’Argentina contro la Giamaica in programma stanotte. Se Dybala giocherà dall’inizio, Pellegrini ripartirà dalla linea mediana come sarebbe accaduto anche contro l’Atalanta, prima dello stop dell’illustre compagno. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa