Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Inzaghi: “Partita ottima, Handanovic non ha fatto una parata”

Le parole dell’allenatore nerazzurro dopo la sconfitta contro la Roma

Simone Inzaghi ha parlato a DAZN dopo la sconfitta della sua Inter contro la Roma. Di seguito le parole dell’allenatore nerazzurro.

La partita?
“Spiace per i ragazzi, usciamo dal campo con una sconfitta immeritata ma questo è il calcio”.

Altri errori individuali: perché?
“Dobbiamo fare di più, perdiamo una partita dove Handanovic non ha fatto una parata, abbiamo preso pali e traverse ma questo è il calcio. Ci sono partite segnate, si vede che quello che stiamo facendo non basta”.

Ritiro ad Appiano?
“Lo facciamo sempre, come tecnico posso dire che ho avuto una bellissima risposta dalla squadra per come siamo stati in campo, poi è chiaro che ci dispiaccia perché i tifosi ci hanno incitati, ci lecchiamo le ferite per una sconfitta pesante”.

Asllani sarebbe uscito lo stesso?
“Sì, Asllani era tanto tempo che non giocava e noi scendiamo in campo ogni tre giorni, dovevo guardare anche al Barcellona”.

Giocherà Onana?
“Non lo so, devo prima riguardare la partita con la Roma. Questa partita è stata fatta bene, ma dobbiamo lavorare di più sui particolari”.

Da chi ti aspetti qualcosa di più?
“La squadra ha fatto bene e creato, poi abbiamo tanti giocatori importanti. Ci siamo messi a specchio sulla Roma, abbiamo giocato tante volte contro la Roma e paradossalmente abbiamo perso nella gara dove abbiamo sofferto meno”.

Si sente a rischio?
“Siamo sempre a rischio ogni settimana, ho avuto una grandissima risposta da parte della squadra. Dobbiamo lavorare di più sugli episodi, dovevamo scappare prima sul secondo gol, avevamo concesso solo un angolo e una punizione laterale dubbia. Abbiamo preso un gol pesante”.

Come vede il gruppo?
“Le sconfitte non portano mai serenità, però abbiamo analizzato bene la partita di Udine. Come ho detto prima, ho rivisto la mia Inter che l’anno scorso ci ha fatto vincere due trofei, abbiamo preso quattro partite nelle prime otto e con il lavoro dobbiamo risalire la china”.

Com’è l’umore?
“Non va bene quello che stiamo facendo, dobbiamo migliorare tutti compreso l’allenatore che sono io”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News