Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il sogno dei Friedkin e della curva Sud: inaugurazione per il centenario del 2027

L’obiettivo della nuova proprietà è di aprire il nuovo stadio a Pietralata tra cinque anni. Sono molte, però, le incognite

Non è un mistero ed è più che una suggestione: aprire lo Stadio a Pietralata per il 2027, anno del centenario della fondazione della AS Roma. L’obiettivo dei Friedkin sembra delineato sin da quando, a febbraio 2021, decisero molto a sorpresa di chiudere con Tor di Valle.

Per l’obiettivo 2027 le incognite però sono molte: la prima riguarda i tempi e l’altra è quella della proprietà delle aree. Dalla seconda metà degli anni 50 del secolo scorso, si decise di costruire a Pietralata il “Sistema Direzionale Orientale” (Sdo), una specie di città di uffici e ministeri. Quei terreni subirono le procedure di esproprio, alcune delle quali potreb- bero non essersi concluse con la registrazione, trascrizione e voltura delle proprietà a favore del Comune.

In teoria, la legge prescrive il divieto di cambiare la destinazione d’uso per un terreno espropriato e inoltre dice che l’opera per cui si è proceduto ad espropriare vada realizzata entro 10 anni. In caso contrario – niente opera in 10 anni, cambio di destinazione d’uso – il vecchio proprietario può chiedere indietro le aree, la cosiddetta retrocessione delle aree. Solo che, secondo gli uffici comunali, essendo passati più di 20 anni da quel limite decennale, i vecchi proprietari avrebbero perso questo diritto di retrocessione. Di sicuro, un’incognita potrebbe venire da eventuali ricorsi dei vecchi proprietari.

Si legge su Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa