Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou re di coppe. Desideri Special: battere il Betis, rilanciare la Roma e salire al numero 1

La notte Special di Mourinho con il Betis

Re di coppe. Che poi lui voglia far finta di niente, di non pensarci, fa anche parte del suo personaggio. Ma dovesse battere il Betis Siviglia, Mourinho diventerebbe l’allenatore con più vittorie in assoluto nelle coppe europee: 107, una in più di Sir Alex Ferguson e Carlo Ancelotti, che ha raggiunto lo Special One proprio ieri sera, grazie alla vittoria del suo Real. Il conteggio è stato fatto a partire dal 1992, anno in cui è stata lanciata la Champions League: da quel momento in poi Ferguson ha vinto 106 partite in tutte le coppe europee, traguardo che l’allenatore portoghese ha raggiunto con il successo contro i finlandesi dell’Helsinki. Oggi si può spingere anche un gradino più su.

“La cosa mi inorgoglisce, è chiaro, ma non la vedo come uno stimolo in più, piuttosto come una cosa di cui mi ricorderò quando avrò finito la carriera. Non penso certo di fare una vittoria più di Ferguson, ma solo a vincere la partita perché ci servono i tre punti“. Stasera non sarà certo facile, perché il Betis ha qualità, giocatori e una propensione spiccata alla vittoria. L’Olimpico intanto ha piazzato un altro sold out: “Stasera saremo undici contro undici, più 60mila che speriamo facciano il loro, perché il tifo peserà tantissimo. Mi fido dei miei calciatori e dei miei tifosi” ha detto lo Special One. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa