Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Celik stop: lesione del collaterale destro. E’ la seconda vittima del “fuoco amico”

Dopo Gini Wijnaldum anche Zeki Celik è vittima del “fuoco amico”. Tornerà nel 2023

Dopo Wijnaldum anche Celik è caduto sotto il “fuoco amico”. Se a mettere fuori uso il centrocampista olandese ci aveva pensato in allenamento Felix, è stato Gianluca Mancini dopo appena cinque minuti nel match contro il Betis Siviglia a fare male (involontariamente) all’esterno turco.

Che fosse un infortunio serio lo si era capito immediatamente e le parole di Mourinho a fine match (“Ho delle sensazioni negative”) non avevano rassicurato nessuno. Ieri è arrivato il verdetto dopo gli esami strumentali: lesione al collaterale mediale del ginocchio destro.

Il giocatore ha già cominciato le terapie e le sue condizioni saranno valutate giorno per giorno ma sembra difficile, se non impossibile, che possa tornare prima della sosta (ultima gara il 13 novembre) per i Mondiali. Anche per lui, quindi, appuntamento nel 2023.

Celik salterà 7 partite di campionato (Lecce, Sampdoria, Napoli, Verona, Lazio, Sassuolo e Torino) e il ritorno del girone di Europa League. In queste 10 gare, a meno di un recupero di Karsdorp, Mourinho dovrà necessariamente adattare Zalewski a destra. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa