Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zalewski salto triplo. Ora è fondamentale come terzino destro

Zalewski torna protagonista della sua Roma

Dieci partite, tutte d’un fiato. Da qui al 12 novembre, Roma-Torino, ultima fatica prima della lunga sosta per il Mondiale. Dieci piccole sfide personali per tornare ad essere decisivo come nella scorsa stagione e mettere un’ipoteca definitiva sulla convocazione per il Qatar. Per Nicola Zalewski inizia una nuova vita da terzino destro, come successo già giovedì sera contro il Betis Siviglia, quando dopo l’infortunio di Celik è stato spostato dall’altra parte. Una soluzione tattica su cui Mourinho lavorava da un po’, ma che ora è diventata inevitabilmente necessità.

Con Celik e Karsdorp ai box per infortunio, Mou non ha altre soluzioni se non spostare lì il giovane esterno polacco. Uno che nasce trequartista di sinistra e che poi dallo scorso hanno ha imparato a giocare anche esterno a tutta fascia, all’occorrenza anche terzino. Sempre a sinistra, che è la fascia dove è cresciuto. Adesso si tratta di adattarsi dall’altra parte, un fattore che lo aiuterà anche nella maturazione e lo completerà come bagaglio tecnico-tattico. “Zalewski può giocare un po’ ovunque, si è trasformato in un bel giocatore. Per noi è importante, a prescindere che sia in campo o in panchina” ha detto Mourinho mercoledì scorso. In queste dieci partite che lo aspettano, Zalewski si gioca tanto. C’è infatti da strappare la convocazione per il Mondiale, anche se il c.t. polacco crede ciecamente nelle sue qualità. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa