Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Attesa Dybala: oggi gli esami

Oggi Dybala si sottoporrà alla risonanza magnetica

L’attesa che si prolunga, Roma e Argentina continuano a trattenere il respiro: gli esami strumentali di Paulo Dybala, inizialmente previsti ieri, sono slittati e resta da capire quando avranno luogo. Tutto ancora in ballo, questo perché il versamento presente all’interno del quadricipite sinistro non aveva permesso all’ecografia effettuata di quantificare il grado della lesione rimediata. Per questo si è preferito attendere che lo stesso si riducesse di grandezza, per effettuare un esame in grado di dare una diagnosi senza fattori di disturbo. Dybala aspetta l’ok dello staff medico per sottoporsi così alla risonanza decisiva.

Ieri sera da Trigoria indicavano la data odierna come quella giusta per gli esami. Intanto Dybala, sereno e confortato dal suo team, è rimasto abbastanza infastidito dalla corsa alla diagnosi di molti media, che lo davano già per certo fuori dai convocati di Scaloni per il Mondiale in Qatar. La Joya, apparso molto più sereno nelle ultime ore, si sente meglio, il dolore è meno pressante e le speranze che la lesione non sia così grave iniziano a palesarsi.

Uno stop di circa tre settimane e l’obiettivo di tornare per il derby del 6 novembre è una prospettiva che la Roma spera possa materializzarsi. Permetterebbe ai giallorossi di riabbracciare l’argentino prima della sosta per i Mondiali e all’argentino di mettere nelle gambe un po’ di minuti prima di rispondere alla convocazione per il Qatar. Per il momento solo supposizioni. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa