Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 13 ottobre 1929: Roma-Cremonese 9-0. La vittoria giallorossa più larga di sempre

I capitolini strapazzano i grigiorossi nella seconda giornata

Il 13 ottobre 1929, ben 93 anni fa, la Roma batteva con un clamoroso 9-0 la Cremonese in casa e otteneva quello che ancora oggi è il più largo successo della storia del club giallorosso.

La partita si giocò allo “Stadio della Rondinella“, campo nella quale giocava la Lazio, in attesa che fossero ultimati i lavori di “Campo Testaccio“, il quale sarebbe stato pronto solamente in seguito.

La gara è ovviamente senza storia fin dall’inizio, con la Roma che domina dall’inizio alla fine: segna la prima rete al 7′ e l’ultima un istante prima del fischio finale dell’arbitro. Alla fine i giallorossi mandano Ferrazzi, estremo difensore della Cremonese, nove volte a raccogliere la palla in fondo al sacco: in rete tre volte Volk, tre volte Ossoinach e una a testa Bernardini, Chini e Benatti.

TABELLINO

AS ROMA: Ballanti, Barzan, De Michelin Ferraris, Degni, D’Aquino, Benatti, Ossoinach, Volk, Bernardini, Chini Luduena
All.: Baccani

CREMONESE: Ferrazzi, Bodini II, Ravani I, Balestreri, Bindi, Sbalzarini, Cabrini, Serdoz I, Subinaghi, Trovati, Defendi
All.: Ludwig

Arbitro: Pessato

Marcatori: 7′ Chini Luduena, 13′ 37′ Ossoinach, 42′ 49′ Volk, 75′ Ossoinach, 86′ Bernardini, 87′ Volk, 89′ Benatti

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord