Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Gallo sbotta: “Avevo solo bisogno di tempo”

Belotti trova la forma migliore

Andrea Belotti sorride per il secondo gol segnato in maglia giallorossa. In attesa di trovare la prima marcatura in campionato, la rete realizzata dal Gallo in Europa League regala a José Mourinho un punto fondamentale per continuare a coltivare l’obiettivo qualificazione alla fase ad eliminazione diretta e scongiurare il rischio di retrocedere in Conference: “Sapevo che sarebbe servito solo lavorare – le parole dell’ex Torino – mi serviva del tempo, è una cosa fisiologica, però ho cercato di fare quel qualcosa in più per trovare il prima possibile la condizione. Adesso mi sento bene, i risultati verranno fuori”.

Il numero 11, per la prima volta, ha fatto coppia con Tammy Abraham dal 1′. Un esperimento riuscito a metà, come ammesso dallo stesso Belotti, che sembra condividere l’analisi dello Special One: “È andata bene soprattutto durante la ripresa. Nel primo tempo potevamo fare tante cose migliori, non abbiamo giocato 45′ bellissimi. Dopo l’intervallo siamo entrati con un piglio diverso e abbiamo creato varie occasioni, mettendo in difficoltà i difensori. C’è sempre bisogno di lavorare perché quando il mister ci mette insieme dobbiamo farci trovare pronti“. Il centravanti – che nel primo tempo si era visto annullare un gol per fuorigioco – ha festeggiato il pareggio con un’esultanza speciale dedicata alla moglie Giorgia Duro, in dolce attesa della secondogenita di casa Belotti: dopo aver realizzato l’1-1, si è portato il pallone sotto la maglia. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa