Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, uno è di troppo in attacco: rischia Abraham con la Samp

Mou verso la conferma del 3-5-2 di cui Belotti sembra beneficiarne

Zaniolo? Se giochiamo con la coppia Abraham-Belotti può fare anche il quinto a sinistra“. Lo ha detto sorridendo, Mourinho, dopo la partita di Europa League col Betis Siviglia, probabilmente per dribblare una domanda da parte del cronista che sarebbe arrivata. La questione però è reale e già domani contro la Sampdoria a Marassi andrà affrontata. Senza Dybala e con la crescita a centrocampo di Camara che potrebbe giocare al posto di uno tra Matic e Cristante (più il primo del secondo), Mou dovrebbe confermare il 3-5-2 di Siviglia: se sarà così, dovrà fare delle scelte difficili in avanti. Non anticiperà niente lo Special One, che anche oggi non parlerà, ma uno tra Abraham, Belotti e Zaniolo dovrà partire dalla panchina e qualunque scelta farà il tecnico scontenterà qualcuno.

Soprattutto Belotti è sembrato trovarsi a proprio agio, segnando un gol regolare e un altro annullato per un fuorigioco di pochi centimetri: i movimenti fatti, però, sono stati quelli giusti e l’ex centravanti del Torino è sembrato quello che ha beneficiato maggiormente del nuovo modulo. Guardando al rendimento, quindi, una maglia dovrebbe essere la sua: un’esclusione di Abraham, però, avrebbe conseguenze pesanti sul morale dell’inglese, che sta già attraversando un periodo difficile, con pochi gol (solo 2 in stagione, entrambi in campionato) e un nervosismo crescente.

Lo scrive il Corriere della Sera

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa