Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stankovic sfida il “maestro” del Triplete

L’ex centrocampista sogna di raggiungere i successi del portoghese. Oggi proverà a mettergli il bastone tra le ruote

Avversari per un giorno. Anzi, per 90 minuti. Perché quello che unisce José Mourinho e Dejan Stankovic è un legame che va oltre il campo. Un rapporto paragonabile a quello tra discepolo e maestro. Non è un caso infatti che l’ex centrocampista abbia intrapreso la stessa carriera del suo guru, con il sogno di raggiungere uno dei tanti successi ottenuti dal portoghese: “Durante la partita saremo ognuno per la sua strada – le parole dell’allenatore doriano – poi amici come prima. Da José ho imparato tanto, ho grande rispetto per la persona e per il professionista”.

I destini dello Special One e del serbo si sono incrociati all‘Inter – nella stagione 2008/09 – con Stankovic che, fin da subito, si è calato nei panni del pretoriano del tecnico. Il sodalizio si è interrotto a giugno 2010, dopo la conquista del Triplete e la conseguente decisione di Mou di accettare la corte del Real Madrid, chiudendo la sua storia nerazzurra. Per il tecnico blucerchiato la gara contro la Roma sarà il battesimo al Ferraris, un tema affrontato nella videochiamata fatta da Mourinho nei giorni scorsi: “L’ho sentito – ha spiegato il serbo – mi ha chiamato in video. Lui ha mille panchine alle spalle, per me sarà la prima a Marassi. C’è una bella differenza. Abbiamo vinto e abbiamo fatto un percorso stupendo insieme”. Oggi però, per la prima volta, Stankovic proverà a mettere i bastoni tra le ruote al suo mentore.

Lo scrive Il Tempo

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa