Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo vuole il Napoli

Nicolò Zaniolo si sente addosso la maglia da titolare: con il Napoli vuole essere protagonista

Contro il Napoli Zaniolo vuole esserci. Stavolta però da subito, dall’inizio, con quella maglia da titolare che si sente addosso e che a Genova è stato costretto a sfilarsi di dosso.

Nicolò Zaniolo la sua rivincita ce l’ha pronta, vuole una serata da protagonista assoluto e forse – se il destino vorrà – quella con il Napoli può diventare anche la serata perfetta. Perché all’Olimpico (in campionato) sono quasi tre anni che Nicolò non esulta, non gioisce, non riesce a fare gol.

L’ultima volta fu proprio un Roma-Napoli del 3 novembre del 2019. Ecco allora che tutto torna, anche qui. Con la Roma di oggi che il terzo posto ce l’ha nel mirino e Zaniolo, invece, che quel mirino lo ha piazzato proprio sul Napoli di Spalletti. Oggi la Roma tornerà dunque ad allenarsi a Trigoria e per Zaniolo inizierà la sua personale corrida, quella che dovrà portarlo a riprendersi il posto da titolare.

Mourinho dovrebbe confermare il 3-5-2, un assetto tattico che permette alla Roma di essere più compatta ed equilibrata. E di avere più densità in mezzo al campo e maggiori risorse nella fase di transizione. Con questa disposizione, Zaniolo si ritroverebbe a giocare come seconda punta, girando intorno al centravanti di turno (Abraham o Belotti che sia). Anche perché uno come Nicolò inevitabilmente mette anche ansia, pressione e timore agli avversari, anche solo per la sua presenza in campo. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa