Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ottimismo Dybala: i fattori di crescita per tornare prima

Speranza Mondiale per Paulo Dybala: in Qatar può esserci

Paulo Dybala vede il Qatar. L’attaccante argentino sta lavorando sodo per poter coronare il sogno mondiale e con il passare dei giorni aumenta l’ottimismo. La Joya, d’accordo con il suo entourage e con i medici della Roma, ha scelto di curarsi con i fattori di crescita, l’unica procedura consentita dai protocolli internazionali. L’utilizzo delle cellule staminali invece è proibito per legge sull’apparato osteoarticolare. L’unica cura che si può fare è il Prp, trattamento multidisciplinare in grado di stimolare la rigenerazione dei tessuti.

Il Prp (Plasma ricco di Piastrine) si ottiene da un prelievo venoso del paziente, dal quale si isola un volume di plasma sanguigno autologo, con una quantità di piastrine molto superiore al normale, procedura che può essere eseguita esclusivamente presso un centro trasfusionale autorizzato. I fattori di crescita intervengono sui tessuti lesionati. Dopo la centrifugazione a bassa velocità, le piastrine sono iniettate nella zona del corpo del paziente.

È previsto un trattamento a settimana per quattro settimane, Dybala ha appena cominciato. In questa fase può fare solo fisioterapia, tra venti giorni potrà cominciare la riatletizzazione. L’obiettivo è quello di andare al Mondiale, entro dieci giorni Scaloni lo inserirà nelle preconvocazioni, il 14 novembre, prima delle convocazioni definitive, si farà un consulto. Paulo potrebbe essere utilizzato dopo le prime partite del girone. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa