Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho l’imbattuto e la voglia di stoppare l’amico “Spallettone”

Mourinho sfida Spalletti

Roma–Napoli di domenica sera (ore 20.45, arbitra Irrati) è anche, ma non solo, José Mourinho contro Luciano Spalletti. Non a caso, gli ultimi due tecnici che sono riusciti a portare un trofeo nella non affollatissima bacheca di Trigoria.

Se Mourinho è riuscito nell’impresa di unire tutti i tifosi giallorossi, e di riportarli allo stadio in massa, Spalletti si è fatto prima amare per quanto fatto vedere in entrambe le sue esperienze in giallorosso, e poi odiare per come gestì il lungo addio al calcio di Francesco Totti. Ancora oggi la tifoseria romanista vive sentimenti contrastanti, ed è probabile che domenica lo stadio gli riservi dei fischi, di sicuro non applausi, al massimo indifferenza.

Lo scorso anno furono fischi, con tanto di espulsione in campo per l’allenatore toscano. Anche in quel caso il suo Napoli viaggiava a gonfie vele in campionato: prima del pareggio all’Olimpico, alla nona giornata, le aveva vinte tutte ed era primo in classifica, proprio come adesso. Uno stop annunciato in qualche modo da Mourinho, che la settimana prima, in un “accavallamento” televisivo, salutò il suo “amico Spallettone” chiedendogli: “Non vorrai mica vincerle tutte?“.

Gli scontri diretti tra i due sorridono a Mou, che nei 6 precedenti confronti ha ottenuto 3 vittorie e altrettanti pareggi, compresi i 2 dello scorso campionato. Leggermente migliore il bilancio di Spalletti contro la Roma: sulle panchine di Empoli, Venezia, Udinese, Sampdoria, Inter e Napoli ha ottenuto 9 sconfitte, 8 pareggi e 4 vittorie, l’ultima con l’Inter il 26 agosto del 2017. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa